da "Pigre divinità e pigra sorte"

*

Amore non mio e neanche tuo

ma chiuso prato dove siamo entrate,

da dove poco dopo sei riuscita

e dove io infingarda ho fatto casa.

Io guardo te da dentro che stai fuori,

che gironzoli ai margini distratta

e a volte ti avvicini a controllare

se ancora sono lì ferma e stordita.


L'Eden

Mi hanno mandato via?

E io me lo rifaccio.

E visto che ci sono lo miglioro.

Patrizia Cavalli


Nessun commento: